Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando su X, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie secondo la nostra policy sui cookie

Legge di Stabilità 2016 sgravi fin dal 2015 con detassazione anche per i pc

Legge di Stabilità 2016 sgravi fin dal 2015 con detassazione anche per i pc

Premessa

Il super ammortamento è una misura agevolativa che consente, alle aziende che investono in beni strumentali, di
ammortizzare il relativo bene nella misura del 140% piuttosto che al 100%.

Soggetti beneficiari

È previsto che i soggetti beneficiari della misura agevolativa siano tutte le imprese e professionisti che effettuano investimenti in beni ammortizzabili.

Come funziona il super-ammortamento

I soggetti titolari di reddito di impresa e gli esercenti arti e professioni che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016 possono ammortizzare i relativi beni nella misura del 140%. Il costo di acquisizione dei beni strumentali viene quindi maggiorato del 40%. L’investimento viene valutato come realizzato alla data in cui il costo viene sostenuto fiscalmente e dunque al momento della consegna o spedizione del bene oppure del termine della costruzione per gli impianti eseguiti in appalto e per i macchinari. Non rileva invece il momento del pagamento, che può essere effettuato integralmente o parzialmente anche in un momento successivo al periodo agevolato oppure può essere effettuato anticipatamente. Il super ammortamento troverà applicazione anche per i beni acquisiti in leasing. Il contratto di locazione finanziaria viene considerato fiscalmente un acquisto di bene strumentale per cui viene ricompreso nella misura agevolativa. In questo caso, la data dell’investimento corrisponde al momento di conferimento all’utilizzatore del bene concesso in leasing. Affinché l’investimento possa essere concretamente sfruttato, il meccanismo di ammortamento deve essere attivato anche attraverso l’entrata in funzione del bene nel processo produttivo entro il termine dell’esercizio. Nel caso in cui ciò non accada, la super deduzione varrà soltanto a partire dall’anno successivo, eccezion fatta per i professionisti che possono ammortizzare il bene al momento dell’acquisto.

Beni Agevolabili

Sono agevolabili tutti i beni strumentali nuovi delle imprese e degli esercenti arti e professioni, e non soltanto a quelli
compresi nella divisione 28 della tabella ATECO (come avvenuto per il precedente credito d’imposta per i nuovi
investimenti).
Sono esclusi soltanto i beni espressamente elencati nella norma e cioè:
– i fabbricati e le costruzioni,
– i beni per i quali sono stabiliti nel D.M. 31 dicembre 1988 coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%,
– le condutture utilizzate dalle industrie di imbottigliamento di acque minerali, dagli stabilimenti balneari e termali e per la
produzione e distribuzione di gas naturale,
– il materiale rotabile, ferroviario e tranviario e
– gli aerei completi di equipaggiamento.

Sono stati menzionati, come detto, i fabbricati e le costruzioni, ragion per cui l’incentivo dovrebbe spettare per i macchinari e gli impianti infissi al suolo, cioè quelli che non possono essere agevolmente rimossi e posizionati in altro luogo mantenendo inalterata la loro originaria funzionalità (quali i silos per alimenti e gli impianti di distribuzione dei carburanti) e per gli impianti fotovoltaici assimilati ai beni mobili (per i quali nella circolare n. 36/E del 2013 è stata sancita l’applicazione del coefficiente di ammortamento del 9%). Questi ultimi impianti sono, invece, esclusi se assimilati ai beni immobili, così come avviene per tutti quelli per i quali è stabilito un coefficiente inferiore al 6,5% (nella stessa circolare è stata, infatti, prevista per tali impianti l’applicazione del coefficiente del 4%). Il beneficio spetta ai beni strumentali e non a quelli merce e ai materiali di consumo. I beni devono essere nuovi, cioè non utilizzati in precedenza.

Rientrano, pertanto, nell’agevolazione anche beni strumentali di larga diffusione, quali autovetture e computer utilizzati nell’esercizio dell’attività.

Coefficienti di ammortamento stabiliti nel D.M. 31 dicembre 1988

Edifici 3%
Fabbricati destinati alla grande distribuzione 6%
Costruzioni leggere (tettoie, baracche, ecc) 10%
Impianti e mezzi di sollevamento, carico e scarico, pesatura, ecc 7,5%
Macchinari, apparecchi e attrezzature varie (compreso frigorifero, impianto di condizionamento e distributore automatico) 15%
Stigliatura 10%
Arredamento 15%
Banconi blindati o con cristalli blindati 20%
Impianti di allarme, di ripresa fotografica, cinematografica e televisiva 30%
Impianti interni speciali di comunicazione e telesegnalazione 25%
Impianti destinati al trattamento ed al depuramento delle acque, fumi nocivi, ecc mediante impiego di reagenti chimici 15%
Mobili e macchine ordinarie d’ufficio 12%
Macchine d’ufficio elettromeccaniche ed elettroniche compresi i computers e i sistemi telefonici elettronici 20%
Autoveicoli da trasporto (autoveicoli pesanti in genere, carrelli elevatori, mezzi di trasporto interno, ecc) 20%
Autovetture, motoveicoli e simili 25%